A chi si rivolge

Il Paziente

"Cliente" della terapia strategica viene considerato colui che chiede l'intervento o lamenta il problema. Questi non necessariamente corrisponde alla persona che ha il disturbo.
Secondo un'ottica sistemica e relazionale per indurre un cambiamento basta intervenire sulla catena che agisce sul singolo. Questo è soprattutto il caso di alcuni disturbi in cui l'individuo che soffre non vuole o non è in grado di riconoscere il problema e di chiedere aiuto (ad esempio nei disordini alimentari, nei problemi dell'infanzia e dell'adolescenza, nelle depressioni e psicosi, nei problemi di relazione, ecc.).

L'obiettivo terapeutico in questi casi è concordato con il familiare, l'insegnante, il dirigente o chi altri è responsabile o interessato alla soluzione del disturbo o disagio.
La terapia può essere completamente indiretta ma, nella maggior parte dei casi, i primi interventi portano tali cambiamenti, nell'equilibrio relazionale, da indurre il 'paziente' a partecipare ad una seduta; qui, finalmente può essere 'catturato' e iniziare a collaborare con un percorso anche personale.

Articoli recenti

CURRICULUM VITAE 2020-2021

FORMAZIONE E PROFESSIONE

SCHEDA AGGIORNATA

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM ...
Leggi l'articolo

Una criticità nella normativa scolastica per l'inclusione

Esiste una certa ambiguit√†  normativa riguardante gli interventi  di aiuto consentiti ...
Leggi l'articolo

ANORESSIA GIOVANILE E DIAGNOSI PRECOCE

 

Il dato oggettivo che i nostri ragazzi, spesso fragili, manifestino  precocemente ...
Leggi l'articolo