A chi si rivolge

Il Paziente

"Cliente" della terapia strategica viene considerato colui che chiede l'intervento o lamenta il problema. Questi non necessariamente corrisponde alla persona che ha il disturbo.
Secondo un'ottica sistemica e relazionale per indurre un cambiamento basta intervenire sulla catena che agisce sul singolo. Questo è soprattutto il caso di alcuni disturbi in cui l'individuo che soffre non vuole o non è in grado di riconoscere il problema e di chiedere aiuto (ad esempio nei disordini alimentari, nei problemi dell'infanzia e dell'adolescenza, nelle depressioni e psicosi, nei problemi di relazione, ecc.).

L'obiettivo terapeutico in questi casi è concordato con il familiare, l'insegnante, il dirigente o chi altri è responsabile o interessato alla soluzione del disturbo o disagio.
La terapia può essere completamente indiretta ma, nella maggior parte dei casi, i primi interventi portano tali cambiamenti, nell'equilibrio relazionale, da indurre il 'paziente' a partecipare ad una seduta; qui, finalmente può essere 'catturato' e iniziare a collaborare con un percorso anche personale.

Articoli recenti

"L' anoressia giovanile" segnali, disturbo, intervento

 

Il dato oggettivo che i nostri ragazzi, spesso fragili, manifestino  precocemente ...
Leggi l'articolo

L'handicap e i problemi comportamentali, psicologici e relazionali ad esso connessi

Ogni bambino o bambina, tanto più se ha problemi o è portatore di handicap, ha un suo modo di ...
Leggi l'articolo

La collocazione dell’insegnante di sostegno secondo una prospettiva costruttivista

Dalle categorie diagnostiche ad una lettura sistemica dei problemi nei contesti ...
Leggi l'articolo